Lettera d’amore a te che mi hai cambiato la vita

San Valentino, il giorno in cui si festeggia l’amore. Io il vero amore l’ho conosciuto con te. Quando visualizzo l’amore che ho per mio figlio, non ha nulla a che fare con le farfalle o giardini fioriti. Mio figlio fa i capricci ogni volta che gli prendo la mano per attraversare la strada; quindi per me l’amore non è camminare mano nella mano.

Ti amo più del caffè

Ricordo vividamente il giorno in cui il medico mi ha detto che ero incinta di te. Non dimenticherò mai perché era il giorno in cui mi ha detto che dovevo anche ridurre il mio consumo di caffè. Sai cosa vuol dire per me ridurre il consumo di caffè? Ma ogni volta che guardavo la mia pancia capivo che ne era valsa la pena.

Ti amo più del sonno

Prima che tu arrivassi dormire è sempre stata una mia grande passione, soprattutto i pisolini della domenica pomeriggio sul divano. E tu hai cambiato tutto. Ora dormire significa rimanere nel letto non oltre le sette. Non voglio dare a te tutta la colpa. Quando eri piccolo,nonostante tu dormissi la mia ansia da neomamma mi portava a controllarti ogni 10 minuti. Lo so, è un po’ inquietante. Ma io ti amo, anche più del sonno.

Ti amo più della mia dignità

Non mi è mai piaciuto mettermi in mostra e difficilmente mi lasciavo andare. Ma da quanto ci sei tu mi diverto un mondo a cantare a squarciagola, a ballare, a fare tutte le voci dei personaggi dei cartoni animati. Il suono della tua risata è come una droga per me. Io praticamente farei di tutto per farti ridere. Perchè ti amo.

Ti amo più del parrucchiere

Anche se non sei responsabile di tutti i miei capelli grigi, sicuramente non mi stai aiutando. Prima, non avrei mai lasciato i miei capelli arrivare a queste condizioni. Ora io non ho il tempo. Né mi interessa davvero tanto, francamente. Ora la mia priorità è quella di saperti sempre in ordine, mettendo a volte la cure per me stessa in secondo piano.

Ti amo più delle uscite a cena

Ci sono questi luoghi dove la gente va e dove può parlare tranquillamente davanti a una bottiglia di vino e mangiare cibi con le posate usando entrambe le mani. La tovaglia non è disegnata e non ci sono seggioloni. Una volta terminato, il cibo non si butta sul pavimento. Suona strano, lo so, ma tuo padre e io ci siamo stati diverse volte prima che nascessi tu. Ma per un pò abbiamo deciso di rinunciare. Perchè ti amo e perchè ora le nostre più belle serate sono a farci tante coccole sul lettone e cadere sfiniti e abbracciati in un sonno profondo.

Ti amo così tanto. Ti amo anche quando fai i capricci, quando non vuoi addormentarti e credo che a nessuno avrei mai permesso di cambiare così tanto la mia vita.