CARICO MENTALE – cos’è, cause e rimedi [VIDEO]

carico mentale

Hai mai sentito parlare di carico mentale? Scopri cos'è, le cause e i rimedi per affrontare la stanchezza mentale e vivere meglio.


[VIDEO CORRELATO]

Cos’è il carico mentale

Il carico mentale è tutto il lavoro invisibile che permette di far funzionare efficacemente un ambiente domestico e che coinvolge prevalentemente le donne.  Troppo spesso è la donna a dover pensare a tutto, soprattutto quando il partner si pone in un atteggiamento attendista, ovvero aspettando che sia la donna a dirgli quello che deve fare.

La sociologa Susan Walzer aveva già analizzato questo fenomeno nel 1996 nel suo studio intitolato “Thinking About The Baby”. Per il suo progetto di ricerca aveva intervistato 23 coppie che avevano avuto figli durante i precedenti 12 mesi. Da queste interviste è emerso che le donne si assumono i pesi legati all’educazione del bambino e il controllo dell’ambiente domestico fa punto di vista mentale, emozionale e intellettuale.

Carico mentale – sintomi per riconoscerlo

La sensazione è quella di sentirsi sempre stanchi, di alzarsi dal letto la mattina con il pensiero a tutte le fatiche che si devono affrontare. Vivere uno stato di continua carenza di energie psicofisiche può essere dettato da momenti particolari di stress.

Il carico mentale può causare i seguenti sintomi a livello fisico:

  • accelerazione del battito cardiaco,
  • insonnia,
  • dolori muscolari,
  • crampi allo stomaco,
  • diarrea,
  • colite,
  • bisogno di urinare in modo frequente,
  • abbassamento delle difese immunitarie.

A livello psichico i sintomi possono essere:

  • vuoti di memoria,
  • difficoltà di concentrazione,
  • stanchezza cronica

Carico mentale – cause

Le cause del carico mentale possono essere diverse:

  • un lavoro troppo impegnativo,
  • l’isolamento sociale,
  • la mancanza di sonno
  • gravidanza e allattamento,
  • preoccupazioni, depressione e ansia.
  • la bassa auto-stima
  • la tendenza alla dipendenza ed alla passività

LEGGI ANCHE: come concedersi un’ora di sonno in più

Carico mentale e stress lavorativo

Ovviamente il carico mentale viene maggiormente percepito quanto il contesto ci procura forte stress. Può trattarsi di un contesto lavorativo, ma nella maggior parte dei casi investe le mamme impegnate a bilanciare le loro responsabilità con stati di ansia e mille incombenze.

Chi subisce più spesso il fenomeno del carico mentale

I fattori di rischio psico-sociali maggiormente riconosciuti riferiscono ad una condizione di vita che è comune a tutte le donne, soprattutto nella condizione di donna coniugata con figli piccoli al di sotto dei 14 anni.

LEGGI ANCHE: quello che dovresti sapere se sei mamma di figli piccoli

Carico mentale donne

La donna sembra perseguitata dal fenomeno del carico mentale in ogni momento della propria vita: che sia una ragazza che convive, una neomamma o una moglie agguerrita.

Carico mentale mamme

Mamme avete presente quando, per un’intera giornata, continuate incessantemente a ripensare  alle cose che dovete fare per voi e per la vostra famiglia mentre ne state facendo altre? Ecco questo è il carico mentale.

Carico mentale – rimedi per combattere la stanchezza mentale

Isabelle Nicolas, terapista di coppia, conferma l’importanza della condivisione dei compiti: «Non si tratta di delegare, ma di passare la mano e lasciar fare chi di dovere. Se le cose non vengono fatte come si vuole che vengano fatte, bisogna tenersele così e mordersi la lingua».

Ecco alcune piccole strategie da applicare nella vita quotidiana per combattere il carico mentale:

  • non avere ansia da prestazione,
  • porsi degli obiettivi quotidiani ben definiti,
  • fare delle pause frequenti
  • cercare di riposare il più possibile e quando possibile
  • concedersi dei momenti specifici da dedicare alla cura della persona, con massaggi, manicure, pedicure,
  • dedicarsi più spesso a momenti di intimità e di scambio di tenerezze con il proprio partner,
  • svegliarsi la mattina con un po’ di anticipo, in modo da prendersi il giusto tempo per svegliarsi e per fare colazione, prima di uscire e di affrontare gli impegni quotidiani.
  • imparare a delegare a poco a poco

Carico mentale fumetto su Facebook: “Bastava chiedere”

Nel suo fumetto Bastava chiedere, Emma descrive il circolo vizioso si ritrovano le giovani mamme, sopraffatte dal carico mentale. Mentre il papà, infatti, dopo pochi giorni rientra al lavoro e quindi ripristina la sua quotidianità, la madre si ritrova a smaltire tutte le incombenze necessarie per gestire la quotidianità del neonato. Anche quando la donna tornerà al lavoro difficilmente delegherà al partner queste incombenze per evitare di perdere tempo.

Il fumetto Bastava chiedere (in lingua originale Fallait Demander) non fa altro che trasferire in vignette la quotidianità che ogni mamma si ritrova ad affrontare e la sua incapacità di delegare.

Ti possono interessare anche: