L’amore tra fratelli è profondo e complesso

amore tra fratelli

L’ amore tra fratelli. Quando ero incinta del mio secondo figlio, ero molto preoccupata di come avrebbe reagito la mia primogenita. Avrei avuto sufficiente amore per entrambi? Come avrei diviso il mio tempo e l’attenzione? Avevo preso la decisione giusta ad avere un secondo bambino?

L’amore tra fratelli è profondo e complesso

Ma quando suo fratello è nato, mia ​​figlia maggiore – che a quel tempo non aveva ancora due anni – ha voluto prenderlo subito in braccio. Così le abbiamo messo il bambino sulle gambine mentre io tenevo la testina. Ero abbastanza nervosa. Ha contato con cautela le piccole dita dei piedini rosa, poi ha sussurrato: “Vuoi le mie calzine?” E poiché tutti sanno che i bambini non sono esattamente rinomati per la loro volontà di condividere, ho cominciato a rilassarmi, sperando che questo fosse l’inizio di una bella amicizia.

Poi ovviamente non è stato sempre così semplice. Ora hanno 5 e 3 anni e i litigi vanno per la maggiore. Ma 10 minuti più tardi, sono sdraiati a guardare la TV così fisicamente vicino – una testa sulla spalla l’uno dell’altra, una gamba sopra la gamba dell’altro – da sembrare una persona unica e indivisibile. E nonostante abbiano ciascuno il proprio letto, preferiscono addormentarsi nello stesso e ogni sera uno cerca la mano dell’altra. Eppure, se uno dei due osa invadere un singolo millimetro nello spazio dell’altro in auto o al tavolo da pranzo, è praticamente un atto di guerra. Valli a capire.

I litigi sembrano a volte non avere fine fintanto uno dei due non corre piangendo a chiedere aiuto, prendersi in giro è il miglior passatempo della giornata. Ma non appena qualcuno al di fuori della famiglia osa prendere in giro uno dei due, la forza della fratellanza porta l’uno in difesa dell’altra. A quanto pare, essi sono autorizzati a generare insicurezza l’uno nell’altra – fa parte dei loro compiti – ma nessun altro si deve permettere. All’esterno diventano una il custide dell’altro e viceversa; il modo in cui si coprono le spalle a vicenda è confortante.

L’amore tra fratelli è meraviglioso. L’adorazione l’una per l’altro è bellissima. Quando uno dei due mi chiede di comprare un regalo per l’altro, uno piange quando vede le lacrime dell’altro. E poi quando si dividono una merenda o si aspettano lungo la strada verso la scuola materna.

Potrei scrivere un migliaio di più parole circa la complessità dell’ amore fraterno, e senza mai riuscire a raggiungere la sua profondità e sua la complessità. Ma ecco un piccolo racconto che possa rendere l’idea:  erano seduti sul divano, una mattina, e ho sentito mia figlia dire a suo fratello con una voce piena di ammirazione, “Zeno, sei così bello.” “ Anche tu sei bella” ha risposto lui. “Ma tu sei più bello” ribatte lei, “No non sono più bello” controbatte lui. E da quello che era nato come un bellissimo momento sì è passati improvvisamente ad un litigio furibondo.

L’amore tra fratelli è strano. I fratelli sono, a turno, i peggiori nemici ed i più  grandi alleati. Sanno essere compagni di gioco, e, a volte, perfetti estranei. Sono uno il primo migliore amico dell’altro, insegnando l’un l’altro l’amore, la fedeltà, la compassione e il compromesso.