Quale lavoro farebbero le Principesse Disney nella realtà [VIDEO]

principesse lavoro

Le principesse Disney nella realtà: come sarebbero e, soprattutto, quale lavoro farebbero se dovessero portare a casa il pane tutti i giorni? Scopriamolo grazie ad alcune fantastiche cosplayer!

Le principesse Disney nella realtà: che lavoro farebbero

Alzi la mano chi non ha mai desiderato essere una principessa almeno per un giorno, o anche per qualche ora! Insomma, tutte noi nella nostra vita ci saremmo immedesimate almeno una volta in personaggi eterei dei cartoon: Cenerentola, la Sirenetta, Belle e molte altre protagoniste femminili della nostra infanzia ci trasmettono da sempre l’idea di una vita felice, senza preoccupazioni. O meglio, di una vita fatta anche di ostacoli, di difficoltà, ma che conducono sempre verso un lieto fine. E soprattutto, verso l’amore di un principe azzurro, che ci salva e che ci ama per il resto della vita. Ecco, prendete questa fotografia appena descritta e capovolgetela: e se succedesse il contrario? Ovvero, se fossero proprio loro, le dolci e delicate principesse della Disney, ad immedesimarsi nella nostra realtà? A destreggiarsi tra lavoro, preoccupazioni giornaliere e stress che viviamo ogni singolo giorno?

Insomma, ci avete mai pensato? Intanto, l’ha fatto per noi Ali Williams, che nella vita fa la cosplayer (unisce il travestimento al gioco, indossando abiti di personaggi riconoscibili in un determinato ambito e interpretando il loro modo di agire).

Biancaneve sarebbe una terapista

Biancaneve, la principessa protagonista della fiaba nata dalla penna dei fratelli Grimm nel 1812, viene ripresa per una versione Disney nel 1937. La Biancaneve delle fiabe viene descritta come una fanciulla piena di speranza e con il sorriso perennemente stampato sul volto. Con gli anni diventa sempre più bella, con un animo nobile e con il desiderio di scappare via con il principe dei suoi sogni, per vivere felici per sempre.

Biancaneve ha il grande talento di trovare il bene nelle cose e nelle persone, oltre ad aiutare gli altri a migliorarsi sempre. È dolce, solare e si fida del prossimo fino a risultare a volte un po’ ingenua. Ma nonostante possa apparire come una ragazza indifesa, nasconde coraggio e una grande forza d’animo che tira fuori all’occorrenza.

Per questo motivo, la cosplayer Ali Williams la vedrebbe molto bene, nella vita reale, ad impersonare una terapeuta.

Pochaontas farebbe la Senatrice

Tutti conoscono Pocahontas come una delle principesse della Disney: alta, snella, carnagione scura, capelli lunghi  neri e spirito ribelle, ma chi era nella realtà Pocahontas? E’ esistita davvero? Ebbene si, Pocahontas è stata una donna nativa americana, figlia di un capo tribù vicino la regione Tidewater della Virginia. Il suo carattere era realmente ribelle e poco incline alle regole, infatti nella lingua powhatan, il suo soprannome Pocahontas significa “piccola giocosa“.

Nella trasposizione della Disney, il personaggio di Pocahontas si è ispirato a quello i Pocahontas Rolfe, prima menzionato, e viene dipinta come una ragazza gentile, dallo spirito libero, amante della natura ed estremamente coraggiosa. Inoltre, viene considerata l’unica principessa Disney ad avere più di un amore. Pocahontas è selvaggia, introversa, riflessiva, spirituale. Farà innamorare l’inglese John Smith, arrivato lì con l’obiettivo di conquistare il territorio e rubare l’oro.
Nei giorni nostri, se dovessimo pensare ad una Pocahontas “reale”, penseremmo alla prima donna nativa americana a candidarsi per la presidenza degli Stati Uniti d’America. 

Elsa sarebbe un’architetto

Elsa, una delle protagoniste di Frozen – Il regno di ghiaccio, viene vista dall’esterno come una ragazza regale, brillante, posata e riservata, ma la realtà è ben diversa. Vive nella paura perché combatte ogni giorno contro un enorme segreto (è nata con il potere di creare ghiaccio e neve, abilità tanto bella quanto pericolosa). Un potere che cerca di sopprimere con tutte le sue forze per evitare di ferire le persone che ama.

Proprio questo suo immane senso di protezione che nutre nei confronti di sua sorella e delle persone che ama, ci riporta oggi ad immaginarla come un brillante architetto che aiuta le famiglie a ritrovare un nido in seguito alle catastrofi naturali di cui sono state vittime.

Anna sarebbe una wedding planner

Anna, la sorella minore di Elsa in Frozen – Il regno di ghiaccio, viene sostanzialmente descritta come una ragazza priva di superpoteri e di eleganza, ma con una bontà e una determinazione da vendere. A differenza di Elsa, Anna non ha paura. È audace, ottimista, amorevole, una ragazza ordinaria capace di fare cose straordinarie. Il regista Chris Buck dichiarò: “Il suo segreto è l’amore”.

Ecco, per tutte queste ragioni, nella vita reale, nei giorni nostri, Anna potrebbe essere una fantastica wedding planner. La fiducia che ha negli altri, la sua prospettiva totalmente ottimistica sulla vita, il suo romanticismo e il grande spirito d’avventura che le scorre nelle vene sono le caratteristiche adatte per svolgere con successo il lavoro di wedding planner. Insomma, con l’ottimismo e la passione che ha, le coppie pagherebbero oro per vedere il proprio matrimonio organizzato da lei!

Rapunzel farebbe la maestra

La principessa Rapunzel si dimostra subito come una ragazza dolce ed estremamente sincera. E’ una ragazza molto luminosa, radiosa, chiacchierona. Si lascia facilmente prendere dalle emozioni del momento, è istintiva, agendo e parlando ben prima di pensare. Entusiasta e intraprendente, viene spesso spaventata dalla madre sulle stranezze che si trovano lì fuori, nel mondo esterno. Ma il suo sogno e la voglia di realizzarlo sono più forti di qualunque cosa. Rapunzel, infatti, è una ragazza molto decisa e, quando vuole, sa essere rigida anche con se stessa. Ha un’estrema cura dei suoi capelli che, cantando una canzone specifica, sono in grado di guarire e ringiovanire chi li sfiora.

Il suo unico sogno è vedere le lanterne che volano nel cielo la notte del suo compleanno. Ma forse non è l’unico. Già, perché da quasi 18 anni vive rinchiusa in un’altissima torre, da cui sogna di fuggire.

La sua curiosità e la sua estrema determinazione nell’affrontare ciò che la aspetta fuori da quella torre potrebbero renderla, ai giorni nostri, una bravissima maestra. La sua consapevolezza e la sua intraprendenza potrebbero essere di grande insegnamento ai bambini nelle scuole. A tal proposito, il desiderio di guardare oltre e di affrontare la realtà sono doti fondamentali che la aiuterebbero ad approfondire il tema dello sviluppo infantile.

Belle sarebbe una scrittrice

Belle, nel film DisneyLa Bella e la Bestia” è considerata la ragazza più bella del villaggio, nel quale vive con suo padre, l’inventore Maurice. La sua passione è leggere, soprattutto libri che riguardano principi, incantesimi, draghi e luoghi fatati. Belle non è felice della sua condizione di vita: infatti è stanca della sua monotona vita di paese e vorrebbe vivere nuove avventure. La protagonista è molto sensibile, curiosa, estremamente intelligente e coraggiosa. La sua personalità si esprimerà al meglio all’interno del castello e a contatto con la Bestia. Una creatura elevata, anche per la passione della lettura, che la rende capace di andare oltre l’apparenza. Una fanciulla umile che conquista il regno per la sua interiorità. Per questo, nella realtà che viviamo tutti i giorni, Belle sarebbe una perfetta scrittrice, che viaggia continuamente, alla ricerca di ispirazioni per il suo prossimo romanzo.

Tiana farebbe la chef specializzata in cucina molecolare

Tiana è una giovane ragazza afroamericana di 19 anni, molto intelligente, elaboriosa e realista, che lavora come cameriera in due locali per poter acquistare il ristorante sognato da lei e suo padre. Senza concedersi mai momenti di tranquillità. Ha una grande forza di volontà, Tiana, una giovane donna attraente, indipendente e che lavora duro. Non ha tempo per l’amore e per la vanità dei sogni, mentre è appassionata di cucina e ha in mente di diventare  una ristoratrice di successo. Il suo amore sconfinato verso il cibo, che rappresenta l’eredità di suo padre, potrebbero trasformarla nei giorni nostri in una chef specializzata in cucina molecolare. 

Aurora sarebbe un’avvocato

Aurora è la principessa Disney che compare di meno sullo schermo rispetto alle altre eroine: soltanto per 18 minuti e ha solo 18 battute. È anche la più alta tra le principesse ed è l’unica a non avere uno scontro diretto e a non interagire con il suo antagonista. Riceve dalle fate Flora e Fauna il dono della bellezza e del canto e crede nel vero amore. L’unico desiderio di Rosaspina è innamorarsi.

Nella vita reale, che viviamo tutti i giorni, fatta di lavoro, stress e preoccupazioni, Aurora sarebbe un avvocato antitrust, che attraversa le aule del tribunale con la sua notevole grazia.

 

Ti possono interessare anche: