Quando e come togliere il pannolino [VIDEO]

togliere il pannolino video.001

Come capire quando togliere il pannolino ai bambini? Quando è arrivato il momento di togliere il pannolino ai bambini anche di notte? Ecco qualche consiglio su come regolarti.


[VIDEO CORRELATO]

Cosa fare per togliere il pannolino

Togliere il pannolino al proprio bambino è una di quelle fasi che procura più dubbi alle neo-mamme. Ecco alcune delle domande più frequenti che si pongono: sarà il momento giusto? Il mio bambino sarà pronto per il grande passo? Avrà un trauma?  Una cosa è certa: il controllo sfinterico è un momento molto delicato nel processo di crescita delle bambine e dei bambini. In realtà, è bene sapere che non esiste un’età prestabilita per togliere definitivamente il pannolino, anche se di solito si fa conciliare questa fase con l’ingresso del bimbo nella scuola dell’infanzia, quindi al compimento dei tre anni di età. Di solito si comincia lo spannolinamento a due anni, soprattutto durante l’estate, quando si sta più tempo insieme, e il caldo permette di stare anche con le mutandine senza bisogno di altri vestiti.

Insomma, tutto dipende dal bambino e dalla sensibilità dei genitori, che dovranno cogliere i segnali di quando è effettivamente pronto ad affrontare il passaggio.

Innanzitutto, è fondamentale che i genitori facciano indossare al bimbo il pannolino senza creare traumi. In che modo? Ad esempio, potete fargli utilizzare il riduttore del wc prima di farlo abituare al wc stesso. Poi, potete far trovare qualche libro e qualche giochino da utilizzare solo quando è sul water in modo che non si annoi e che non si stanchi. Anzi, all’inizio sarà stimolato ad andare in bagno proprio perché saprà che lì ci sono “quei giochi”.

Un’altra cosa da ricordare è che non dovrete mai chiedere esplicitamente al bimbo “Devi fare pipì?“, anche perché la maggior parte delle volte vi dirà di no. Anzi, dovete essere voi genitori a portare lui/lei al bagno con cadenza regolare (ogni 30 minuti circa) dicendogli con grande entusiasmo “Andiamo a fare pipì?“. Inoltre, è bene gratificare spesso il bambino ricordandogli ogni volta quanto sia stato bravo.

Capire quando togliere il pannolino: i segnali che è il momento giusto

Sicuramente, uno dei primi segnali che i genitori dovranno cogliere al volo, e che permetterà loro di capire che è il momento giusto, è la curiosità del bimbo. Solitamente, quando quest’ultimo inizia ad incuriosirsi al fatto che i genitori o i fratelli vadano in bagno, allora vuol dire che è arrivato il momento in cui fargli indossare il pannolino. Un altro importante segnale che fa rendere conto i genitori che le bambine e i bambini sono pronti a togliere il pannolino è proprio il controllo sfinterico notturno. 

Ci sono bambini che fanno chiaramente capire (anche se non si esprimono ancora bene a parole) di essere molto infastiditi dal pannolino. In genere, sono più facilmente le femmine ad esprimere questi comportamenti. Di fronte ad atteggiamenti del genere, se il bambino o la bambina è nell’età “giusta” (fra i 18 mesi e i 3 anni), è utile acconsentire alla richiesta di essere lasciato/a senza pannolino. Vorrà dire che è il momento opportuno!

Quando togliere il pannolino ai bambini

Ci sono dei piccoli accorgimenti da utilizzare nel momento in cui si decide di togliere il pannolino alle bambine e ai bambini. Un aspetto a cui fare estremamente attenzione è la loro sensibilità: non bisogna mai far sparire il pannolino da un giorno all’altro. Si tratta sicuramente di uno degli errori più comuni che si commettono, magari seguito dall’espressione “Da oggi sei grande, quindi non userai più il pannolino“. I cambiamenti eccessivamente repentini potrebbero solo rendergli difficoltoso l’adattamento a questa nuova condizione. Addirittura, molti bambini pensano di trattenere i propri bisogni perché hanno paura di farli nel vuoto, mentre il pannolino rappresenta una sorta di protezione che li rende più tranquilli e sicuri.

Altra cosa da evitare è fare pressione al bambino dicendogli “Tutti i tuoi amichetti non lo usano, solo tu ce l’hai ancora“, oppure “In questo modo non diventerai mai grande“. Così, i genitori rischieranno solo di creargli ansia.

Inoltre, è assolutamente sconsigliato togliere il pannolino in concomitanza di alcuni eventi, come la nascita di un fratellino/sorellina, oppure l’ingresso nella scuola materna.

Ovviamente i genitori tendono ad accontentare il bambino, ma è fondamentale non cedere di fronte ad eventuali capricci proprio per non creargli confusione.

Quando togliere il pannolino anche di notte

Individuare il momento giusto durante il quale possiamo togliere il pannolino della notte al nostro bimbo è qualcosa di molto delicato. Si tratta, infatti, dell’atto conclusivo di alcune abitudini che ha fatto sue da tempo e che riesce a controllare. Se ormai il bimbo riconosce lo stimolo durante il giorno, dovrà imparare a riconoscerlo anche durante la notte svegliandosi in tempo. Sicuramente, si potrà cominciare a togliere il pannolino anche di notte quando al mattino il pannolino è del tutto asciutto. Nel momento in cui si sveglierà con il pannolino asciutto per tre notti consecutive, allora vorrà dire che è arrivato il momento giusto per toglierlo anche di notte.

Due consigli sono fondamentali per riuscire in questa impresa: coinvolgere il bambino in questa sfida e non farlo bere molto (oltre a fargli fare pipì) prima di andare a dormire.

Quando togliere il pannolino ai gemelli

Anche per i gemelli, il periodo più indicato per togliere il pannolino è sicuramente l’estate, dal momento che indossano pochi indumenti, anche facili da togliere nel caso in cui il bisogno dovesse arrivare. Una volta assodato che i bambini non vanno mai forzati ad affrontare un processo così delicato, è ovvio che con i gemelli le preoccupazioni raddoppiano. In questo caso, i genitori devono ricordare che lo spannolimento non deve avvenire per forza in contemporanea, dal momento che un gemello può essere meno precoce dell’altro.

Acquistate un vasino (o riduttore) per ciascun gemello, in modo tale che ognuno abbia il suo. Magari di colore diverso. Inoltre, potreste sfruttare anche il fatto che i gemelli si aiutino reciprocamente grazie alla loro particolare intesa. Ricordatevi infine di elogiarli continuamente, anche quando falliscono. E una volta che il processo di spannolimento inizia, mantenete la linea di condotta per evitare di creare loro confusione.

 

Ti possono interessare anche: