Tornare al lavoro dopo la maternità?[VIDEO]


Tornare al lavoro dopo la maternità può rappresentare un problema per molte mamme o quantomeno un passaggio non sempre facile da fare. Questo accade soprattutto con il primo figlio.

Generalmente si viene travolte da emozioni molto contrastanti, come ad esempio il senso di colpa. Una mamma dopo aver trascorso diversi mesi ad occuparsi del proprio bambino in maniera esclusiva percepisce il rientro al lavoro come una sorta di abbandono. Questo avviene ovviamente indipendentemente dal fatto che abbia comunque pensato a tutto per rendere questa separazione il meno traumatica possibile per il bambino, a volte senza però ritagliarsi il giusto tempo per se stessa. Molto spesso, infatti, lo stato di malessere colpisce le mamme che non sono riuscite a prendersi il tempo necessario per metabolizzare questo nuovo cambiamento. Si sono appena abituate alla condizione di mamma e subito devo abituarsi ad una condizione del tutto nuovo: ovvero quella di mamma-lavoratrice.

Il video si rivolge alle donne che rientrano al lavoro dopo la maternità e dice loro quanto sia importante riflettere sul concetto di flessibilità, una flessibiltà che dovrebbe essere garantita anche dai propri datori di lavoro. Purtroppo sono tantissime le donne che non solo devono confrontarsi con il senso di colpa ma anche con una società che tende a mettere ad un livello inferiore le mamme lavoratrici. Quindi diventa davvero difficile per una donna trovare, il più delle volte, un ambiente di lavoro favorevole a rispondere alle sue nuove esigenze.

Si consiglia dunque qualche settimana prima di tornare al lavoro di prendere consapevolezza delle nuove priorità e. per quanto possibile, provare a comunicare questa nuova condizione all’interno dell’ambiente lavorativo. Con un figlio cambia sicuramente la disponibiltà ma questo non vuol dire lavorare meno, vuol dire ottimizzare al meglio il proprio orario di lavoro.