Nikki Reed e la sua placenta: il post su Instagram [VIDEO]

Nikki Reed

Nikki Reed e la sua placenta: il post su Instagram svela che anche l'attrice americana segue il trend che impazza ad Hollywood e non solo.

Nikki Reed mangia la placenta: cosa c’è da sapere

Una nuova tendenza che sta facendo discutere tutta l’America e non solo è la scelta di alcune mamme di mangiare la propria placenta subito dopo il parto. Molte neo mamme si sono fatte influenzare da una pratica ormai diffusa dalle star convincendosi degli effetti benefici che quest’ultima apporterebbe alla propria salute! Pare infatti che il trend sia stato lanciato da molte celebrità oltreoceano, e tra queste spicca il nome di Nikki Reed. C’è da sapere che l’attrice e sceneggiatrice statunitense ha rivelato di aver mangiato la sua placenta dopo l’ultima gravidanza. La neo-mamma che ha accolto la piccola Bodhi Soleil lo scorso 25 luglio assieme al marito Ian Somerhalder ha infatti reso pubblica questa sua scelta personale attraverso una foto postata su Instagram diventata in questi giorni oggetto di innumerevoli critiche.

Nikki Reed ha specificato, nella descrizione della foto, che è stata la sua doula a consigliarle questa insolita attività, aggiungendo che non si tratta nel modo più assoluto di una prassi obbligatoria o benefica per tutte le mamme. A quanto pare, i vantaggi arrecati dalla routine praticata da celebri star e non solo, secondo le credenze popolari, sono tanti! Tra questi ci sarebbe la riduzione di dolori, un’elevata produzione di latte, l’aumento del livello di energia e l’apporto di “miracolose” proprietà anti-età.

LEGGI ANCHE: Benessere in gravidanza e allattamento

Mangiare la placenta fa bene? Rischi e benefici tra mito e scienza

Tra le altre news, c’è da sapere che l’immagine ha scatenato innumerevoli reazioni e commenti, ma quello più inaspettato e forse più appropriato è stato scritto dal Center for desease control and prevention degli Stati Uniti. La strana idea appoggiata dalle star è stata aspramente criticata dal Centro per le malattie e la prevenzione, che ha sollecitato caldamente le neo mamme ad evitare questa insolita e dannosa pratica, dal momento che trascinerebbe con sé alcune infezioni batteriche come la salmonella.

La pratica è stata oggetto di alcuni studi che, seppur pochi, hanno riscontrato che ad oggi non c’è alcun vantaggio ma solo danni oggettivi che l’attività in questione causerebbe, compromettendo la salute delle mamme e dei neonati allattati. Tra questi ci sono serie infezioni batteriche come la salmonella, ma l’aspetto più grave è che attualmente il consumo di placenta sta diventando una vera e propria prassi, diffusa e applicata anche solo per passaparola con la convinzione di recuperare l’umore post-partum. Ciò che andrebbe diffusa, invece, è la prevenzione e soprattutto il controllo di queste mode potenzialmente dannose che stranamente non smettono di placarsi.

 

Ti potrebbe interessare anche: